• IL CASO

    Ecco perché da grandi tutti vogliono fare l'attore

    Il sogno di molti ragazzi e ragazze è, oggi, il palcoscenico, meglio se cinematografico. É la via più rapida per le tre mitiche tre “s”: soldi, successo, sesso. Per i più fortunati c’è il divismo, la walk of fame, la villa a Beverly, l’Oscar nella notte delle stelle. Divo, dal latino vuol dire divinità. Capito, no?

    • IL CASO

    I film firmati da registi cattolici? Pochi e pure brutti

    Dopo aver visto Spotlight e Perfetti sconosciuti, film in Italia in testa al botteghino, la domanda è: ma che fine hanno fatto i registi e gli sceneggiatori cattolici? Perché God’s not dead – Dio non è morto di Harold Cronk non è sufficiente a dimostrare che il cinema cattolico sta bene. La Passione di Cristo è stata un’eccezione. 

    • IL FILM

    Dio non è morto, così la fede sbanca il botteghino

    Arriva in Italia dopo il successo negli Usa God's not dead, pellicola incentrata su un tema politicamente scorretto: uno studente accetta la sfida di difendere la fede cristiana di fronte al suo professore ateo. Uno schiaffo al perbenismo secondo il quale mostrare la ragionevolezza della fede può creare divisione.

    • L'OSCAR

    Spotlight, un film ideologico

    Vincitore dell'Oscar, premiato dalla critica anche sulla stampa cattolica, il Caso Spotlight è sicuramente un buon film e una valida ricostruzione di eventi storici. Ma è imparziale? No. E' un film a tesi che mira a dimostrare come la Chiesa sia un'istituzione corrutrice. Nel farlo, le forzature abbondano.

    • IL DOCU-FILM

    Così regalammo il Vietnam ai comunisti

    il Vietnam è stata la penultima “cosa giusta” fatta dagli Usa in campo internazionale. Ma era l’America di Nixon, Reagan, John Wayne e di Walt Disney, non quella del marxismo starred ‘n’ stripped ormai dominante. Un documentario Last days in Vietnam («Ultimi giorni in Vietnam») ci ricorda quella tragedia. 

    • L'ULTIMO FILM

    Gli "otto "di Tarantino, la perfetta gratuità del male

    In Usa, The hateful eight, l’ultimo lavoro di Tarantino, ha superato, in quanto a spettatori, anche “Star Wars”. Il film mette in scena un thriller dove a comandare è il male. Non c’è metafisica, i sette uomini e la donna vivono in orizzontale, non in verticale verso un dio, senza pietà per niente e per nessuno.

    • FESTIVAL

    Sanremo arcobaleno. E non sono solo canzonette

    A Sanremo battono il tempo musicale a ritmo di nastri arcobaleno sventolati sul palco. Dopo Elton John e Laura Pausini, anche Arisa, Noemi, Scanu, Francesca Michielin, l'inossidabile Patty Pravo, Enrico Ruggeri, Irene Fornaciari, etc., hanno dato il loro contributo alla causa. Fino a Nicole Kidman, che ha dato alla luce un bambino con maternità surrogata, altra super-ospite del festival rainbow.

    • GIAPPONE

    Il "samurai di Cristo" sugli altari e sullo schermo

    Approvato il decreto di beatificazione di Takayama Ukon, samurai e cristiano esemplare, ora la storia dei cristiani giapponesi perseguitati nel XVII secolo diventa il soggetto di un film di Martin Scorsese, Silence. Il film è tratto dal romanzo dello scrittore cattolico giapponese Shusako Endo.

    • IL CASO

    Elton John a Sanremo, appello alla Rai

    Ci sono fondati timori che il cantante inglese, ospite stasera nella serata iniziale, usi il Festival di Sanremo per fare propaganda per le unioni gay e per l'utero in affitto. Scrivere ai vertici Rai per chiedere di vigilare ed evitare qualsiasi tipo di comizio.

    • DON MATTEO

    Il prete amico dell'uomo e non dei piani pastorali

    Il notevole successo della fiction televisiva Don Matteo, interpretato da Terence Hill, oltre che all’intreccio di elementi drammatici e comici, è dovuto senza dubbio alla figura del protagonista, questo “prete detective”, che ha più fiuto di tutti e arriva sul posto giusto sempre prima dei carabinieri. Ma non solo.

    • DISNEY LGBT

    Topolino e Pippo? Non sono più (solo) amici dei bambini

    Walt Disney è stato uno dei più grandi geni del Novecento. Tipo ideale del “sogno americano”, inscindibile dai ”valori” di una volta. Dopo la sua morte una potentissima multinazionale ha preso il suo posto. E oggi la Disney s.p.a. è in prima fila per prezzi e “aperture” al mondo Lgbt. 

    • RACE

    Lo "schiaffo" di Owens a Hitler: tutta la verità in un film

    Nella sua autobiografia, uscita nel 1970, ribadì la verità, ma nessuno, neanche allora se lo filò. Troppo ghiotta la sua strepitosa vittoria  alle Olimpiadi di Berlino del 1936 ai fini propagandistici. Stiamo parlando di Jesse Owens, uno dei più grandi atleti di tutti i tempi. Ora un film ristabilisce la verità su quel trionfo.