• L'OKKUPAZIONE VATICANA

    Di dottrina e di diritto: non è elemosina, è ingiustizia

    Il blitz del cardinale elemosiniere del Papa nel palazzo okkupato da abusivi apre gli interrogativi sugli illeciti legittimi per un bene superiore. Ma da qualunque punto la si guardi, la mossa di Krajevski non può ottenere nessuna giustificazione né attenuante. A cominciare dai criteri della Dottrina sociale della Chiesa per i quali quel gesto rappresenta un'ingiusitzia nei confronti di tutti
    CARITA' IRRAGIONEVOLE di Stefano Fontana
    Ma anche per il diritto l'okkupazione in porpora rappresenta una collaborazione ad un furto. È bene aiutare i poveri, ma mancano i requisiti per qualificare quel furto come moralmente lecito. E potrebbe sfociare in anarchia. 
    EMINENZA, COSI' E' ANARCHIA di Tommaso Scandroglio

    - FARE L'ELEMOSINA CON I SOLDI DEGLI ALTRI, di Riccardo Cascioli

    • IL CASO DELL'OKKUPAZIONE VATICANA

    L'elemosiniere sbaglia: così si rischia l'anarchia

    Anche dal punto di vista del diritto mancano i requisiti perché il gesto dell’elemosiniere del Papa possa qualificarsi come moralmente lecito: un pericolo che attenti a un bene essenziale e uno stato di miseria o di indigenza che sia incolpevole. È bene aiutare i poveri, ma rispettando le regole, che sono poste a tutela del povero che non ha nulla, ma anche del proprietario. In caso contrario sfoceremmo nell’anarchia. 

    • INTERVISTA AL MARIOLOGO

    Da Fatima a Medjugorje: "Occorre convertirsi ora"

    "L’anniversario di Fatima è ancora più importante oggi che nel 2017, quando è ricorso il suo centenario". E poi: "La profezia di Fatima non è ancora compiuta, ma i tempi sono maturi". Ancora: "Per comprendere le apparizioni ai pastorelli dobbiamo guardare a Medjugorje e al compiersi dei dieci segreti, che sono alle porte". Diego Manetti, mariologo di fama internazionale e autore del libro della Bussola "Perché appare la Madonna", ci aiuta a comprendere le profezie annunciate più di un secolo fa nella cittadina portoghese e come la Vergine Maria ci parli ancora oggi.
    -VIA LIBERA AI PELLEGRINAGGI DALLA GOSPA di Nico Spuntoni
    -
    THE CHURCH NEEDS THE "COMBAT ROSARY" di R. Marchesini

     

    • DOPO LE PAROLE DI SALVINI

    Dai negozi ai festival, è battaglia sulla cannabis

    Un paio di negozi di “cannabis light” chiusi nelle Marche, il Festival della canapa di Torino cancellato, lo scontro interno al governo gialloverde, con Salvini che annuncia una direttiva sui canapa-shop, i grillini propensi a minimizzare il pericolo e il premier Conte a eludere la questione. Che però va affrontata, come chiedono le comunità di recupero per tossicodipendenti.

    • DROGA/INTERVISTA A SERPELLONI

    "Così ho mostrato a Salvini che la cannabis light fa male"

    Salvini e Fontana lanciano la battaglia della cannabis dichiarando guerra agli shop che vendono la cosiddetta canna light. Ma che cosa si cela dietro questa decisione politica clamorosa tanto da mettere a rischio il governo? Il neuroscienziato Serpelloni spiega alla Nuova BQ i risultati della nuova indagine condotta con 3 università e presentata a Salvini: "Abbiamo estratto il principio attivo dei prodotti venduti e scoperto che è anche 20 volte superiore al consentito. Quello che sta accadendo è una truffa ai danni dei cittadini con effetti psichici devastanti nei minorenni. E i negozi non servono ad altro che a preparare la rete distributiva in vista della cannabis legalizzata". 

    - DAI NEGOZI AI FESTIVAL, È BATTAGLIA SULLA CANNABIS, di Ermes Dovico

    • LA SENTENZA

    La Cassazione approva i genitori gay: c'è poco da gioire

    Il mondo pro family è in festa, ma a torto. La Cassazione ha sì condannato la pratica dell’utero in affitto, ma ha sancito la legittimazione della filiazione omosessuale. E' una benedizione dell’omogenitorialità a patto che non derivi dalla pratica dell’utero in affitto, che in Italia è reato. Un escamotage che, non a caso, gli avvocati della causa gay hanno sottolineato e apprezzato, facendo rientrare dalla finestra la maternità surrogata uscita dalla porta.

    • L'ARTICOLO SU BLOOMBERG

    Metodo Barilla e rivoluzione gay, ora è un case history...

    Un approfondimento dell’influente settimanale Bloomberg Businessweek ripercorre le tappe dell’inversione a U della Barilla, dopo le parole del 2013 sulla famiglia che costarono al suo presidente l’accusa di “omofobia”. In pratica, la Bloomberg presenta la svolta Lgbt dell’azienda come un modello da imitare. E l’amministratore delegato Colzani fa capire che l'opera di rieducazione è solo agli inizi, attribuendo il “ritardo” dell’Italia sull’agenda gay alla fede cattolica.

    • DALLA MADONNA DI LOURDES

    Messori: "Bernadette? Impossibile non amarla"

    Pochi giorni fa sono atterrate a Orio al Serio (Bergamo) le reliquie di Bernadette Soubirous, che nei prossimi mesi faranno il giro di trentaquattro diocesi italiane. Ebbene: che cosa viene a dirci oggi questa straordinaria santa? Lo chiediamo a Vittorio Messori che ci svela perché il messaggio della Madonna di Lourdes sia più attuale che mai. «In Bernadette vive la realizzazione più radicale del Vangelo. Se fosse qui? Vorrebbe che tutti guardassero alla Signora e al suo piano di Salvezza».

    • L'ARTICOLO DI AVVENIRE

    L'invito al Ramadan e il rischio fondamentalismo

    La religione mussulmana non ha bisogno di essere legittimata in piazza e i cittadini di discendenza islamica non devono essere ridotti a meri membri di una religione: sono proprio tesi come queste a mostrare il fianco alle linee di pensiero più fondamentaliste, che si basano appunto sulla falsa riduzione di un complesso popolo ad una falange religiosa. Riflessioni dopo l'articolo di Avvenire sul mese sacro per i musulmani.

    • L'ANNIVERSARIO E IL RICORDO DI TOSATTI

    Io, Superga e quei 30 metri che mi separarono da papà

    "In una cassetta ho trovato gli occhiali che mio papà Renato indossava al momento della sciagura e la medaglietta che aveva al collo. Ancora mi accompagna e se oggi sono giornalista è perché mi ha trasmesso onestà, coraggio e indipendenza. L'ultima volta che ho pregato a Superga ho pensato all'effimero su cui viviamo: sarebbero bastati 30 metri più in alto, un nulla per te, Signore". Il ricordo d'eccezione del nostro Marco Tosatti, a 70 anni dallo schianto che annientò il Grande Torino, l'equipaggio e i giornalisti, tra cui suo padre.
    -GRANDE E ETERNO TORO: PERCHE' CI COMMUOVE di Andrea Zambrano

    • UNA VISITA INOPPORTUNA

    Bosnia, il disastro diplomatico del Vaticano

    La visita di Stato che il Presidente di turno della Presidenza della Bosnia-Erzegovina, il serbo-bosniaco Milorad Dodik, ha reso a papa Francesco venerdì 26 aprile, mette la Santa Sede dalla parte dei separatisti serbi e contro i cattolici.

    • RADIOCARBONIO INADATTO

    È giunta l’ora di nuovi test sulla Sindone di Torino?

    Dopo l’articolo di Archaeometry sui dati grezzi dell’analisi radiocarbonica del 1988, la giornalista Jane Stannus ha ascoltato vari esperti e quasi tutti, sia pro che contro l’autenticità del Sacro Lino, sono concordi: servono nuovi, rigorosi, esami multidisciplinari. Il campione prelevato nel 1988 proveniva da un unico angolo, pesantemente inquinato e rammendato, e i risultati di quella ricerca (che datava la Sindone al Medioevo) sono inaffidabili.