Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Galdino a cura di Ermes Dovico

José gregorio hernández

"Il dottor Hernández è beato per il suo amore a Dio"
INTERVISTA AL VICEPOSTULATORE

"Il dottor Hernández è beato per il suo amore a Dio"

L'arcivescovo emerito di Caracas spiega alla Nuova Bussola perché oggi José Gregorio Hernández diventerà il primo laico venezuelano sugli altari: "Fu un medico e scienziato di successo, pieno di carità verso i poveri. Ma ciò che lo ha portato alla beatificazione è la preghiera nel mezzo delle attività ordinarie, la Messa quotidiana, il Rosario, la Parola di Dio: un amore che si trasformò in opera".


"La beatificazione di Hernández lo strapperà ai santoni"
INTERVISTA AL VICE-POSTULATORE

"La beatificazione di Hernández lo strapperà ai santoni"

Il cardinale Jorge Urosa spiega alla Nuova Bussola: «Papa Francesco ha dato l'ok dopo un processo lungo e scrupoloso che ha accertato i miracoli e le virtù del medico venezuelano. Capisco la preoccupazione degli esorcisti, ma la beatificazione rivendicherà Hernández come qualcuno che appartiene non agli stregoni, ma alla Chiesa»


«Il dottor Hernández beato, modello per il Venezuela»
INTERVISTA A UROSA

«Il dottor Hernández beato, modello per il Venezuela»

Riconosciuto il miracolo dovuto all’intercessione del venezuelano José Gregorio Hernández, docente universitario chiamato «medico dei poveri». È stato «un eccellente ricercatore, un medico accurato e generoso, pieno di carità», ma soprattutto, spiega il cardinale Urosa Savino alla Nuova Bussola, «è stato un uomo di Dio». Che ogni giorno andava a Messa e recitava il Rosario. La sua beatificazione, prevista a Caracas nel primo trimestre del 2021, è una grande grazia per un Paese in crisi e sotto la dittatura di Maduro.