• INTERVISTA AL VICEPOSTULATORE

    "Il dottor Hernández è beato per il suo amore a Dio"

    L'arcivescovo emerito di Caracas spiega alla Nuova Bussola perché oggi José Gregorio Hernández diventerà il primo laico venezuelano sugli altari: "Fu un medico e scienziato di successo, pieno di carità verso i poveri. Ma ciò che lo ha portato alla beatificazione è la preghiera nel mezzo delle attività ordinarie, la Messa quotidiana, il Rosario, la Parola di Dio: un amore che si trasformò in opera".

    • INTERVISTA AL VICE-POSTULATORE

    "La beatificazione di Hernández lo strapperà ai santoni"

    Il cardinale Jorge Urosa spiega alla Nuova Bussola: «Papa Francesco ha dato l'ok dopo un processo lungo e scrupoloso che ha accertato i miracoli e le virtù del medico venezuelano. Capisco la preoccupazione degli esorcisti, ma la beatificazione rivendicherà Hernández come qualcuno che appartiene non agli stregoni, ma alla Chiesa»

    • INTERVISTA A UROSA

    «Il dottor Hernández beato, modello per il Venezuela»

    Riconosciuto il miracolo dovuto all’intercessione del venezuelano José Gregorio Hernández, docente universitario chiamato «medico dei poveri». È stato «un eccellente ricercatore, un medico accurato e generoso, pieno di carità», ma soprattutto, spiega il cardinale Urosa Savino alla Nuova Bussola, «è stato un uomo di Dio». Che ogni giorno andava a Messa e recitava il Rosario. La sua beatificazione, prevista a Caracas nel primo trimestre del 2021, è una grande grazia per un Paese in crisi e sotto la dittatura di Maduro.