• IL SOCIALISMO E GLI ALIENI

Rapporto Cia sugli Ufo: un esperimento sociale?

La Cia ha pubblicato le indagini che riguardano gli UFO. Quanto sta avvenendo ricorda lo strano "scherzo" dell'emittente Usa Cbs che mandò in panico la popolazione mettendo in scena La guerra dei mondi di H. G. Wells, vice-presidente onorario della Portman Clinic, braccio del Tavistock Institute che fece ricerche sul «cambio di paradigma» che consiste nel cambiamento drastico e completo di pensiero in seguito ad uno shock psicologico. Il che desta qualche sospetto sulla divulgazione del materiale segreto.

English Español

Ci sono forme di vita intelligenti sulla terra? Ops, scusate, volevo dire: ci sono forme di vita intelligenti nello spazio?

La CIA, chissà perché, ha reso pubblico un rapporto sulle indagini che riguardano gli UFO. La cosa dev’essere davvero seria, perché un autorevole ex Presidente degli Stati Uniti e Premio Nobel per la Pace, Barak Obama, ha giocato la sua credibilità confermando la faccenda: «Ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare le loro traiettorie, non si muovevano con uno schema facilmente spiegabile. Quindi penso che la gente prenda sul serio il tentativo di indagare e capire di cosa si tratti». Riusciamo ad immaginare fonti più serie e autorevoli?

La faccenda degli avvistamenti di UFO comincia nel 1947, negli Stati Uniti; da allora le segnalazioni si sono moltiplicate in tutto il mondo, con foto, filmati e testimonianze. Tuttavia, c’è un episodio curioso che anticipa di almeno un decennio l’inizio di questa storia.

Nel 1938, l’emittente radiofonica CBS trasmise uno sceneggiato intitolato La guerra dei mondi (The War of the Worlds). Interpretato da un allora ventitreenne Orson Wells, fu concepito in modo da sembrare il più realistico possibile, trasmettendo puntate come se fossero breaking news o voci concitate di persone che assistevano agli eventi di sottofondo. Il risultato fu un’ondata di panico generalizzato che colpì gran parte della popolazione statunitense, convinta che da lì a poco, a causa degli UFO, sarebbe giunta la fine del mondo. Lo sceneggiato era tratto da un omonimo romanzo di Herbert George Wells.

HG Wells studiò biologia con «il mastino di Darwin», Thomas Henry Huxley, nonno di Julian e Aldous Huxley con i quali Wells collaborò; fu per diversi anni amante di Margaret Sanger, la più nota attivista abortista e eugenista del mondo; fu membro (attivissimo) della Fabian Society, la più importante organizzazione socialista al mondo che, nel 1895, fondò la più importante istituzione liberista al mondo, la London School of Economics. Il modo in cui Wells condusse le sue battaglie fu attraverso la letteratura, in particolare la letteratura fantascientifica; tra questi scritti, La guerra dei mondi, del 1897. Fu anche vice-presidente onorario della Portman Clinic, braccio del Tavistock Institute che si occupa di esperimenti psicologici su bambini, sociopatici e criminali. Il Tavistock Institute si è distinto, negli anni, per le ricerche sul cosiddetto «cambio di paradigma» (locuzione recentemente entrata anche nel linguaggio ecclesiastico), che consiste nel cambiamento drastico e completo di pensiero in seguito ad uno shock psicologico. L’origine degli studi sul cambio di paradigma risale alla Prima Guerra Mondiale, quando il Tavistock notò che era facilissimo decostruire e ricostruire completamente la mentalità di soldati che avevano subito uno shell-shock, uno shock da esplosione. Gli scienziati britannici si accorsero che lo stesso effetto poteva essere indotto da qualsiasi shock, ad esempio l’elettroshock, l’uso di droghe (LSD in particolare) o catastrofi di qualsiasi genere (guerre, calamità naturali, disastri economici…).

Torniamo alla trasmissione del 1938. Ovviamente, di fronte al panico generalizzato, la CBS rispose con il più prevedibile dei «É stato solo uno scherzo...». La domanda è: se fosse stato un esperimento? Se qualcuno avesse voluto testare la credulità della popolazione nei media e nelle autorità? Se l’obiettivo fosse stato quello di saggiare la reazione delle masse davanti ad un’ipotetica invasione aliena? Non sarebbe strano, considerato il background di Wells.

E ora? Che senso ha la divulgazione di materiale segretissimo sugli UFO da parte delle massime autorità mondiali, con la firma di Obama? Cosa ci dobbiamo aspettare (ancora)?

English Español