Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Josemaría Escrivá a cura di Ermes Dovico
QUALE ECOLOGIA

Gavin Newsom, un "cattolico abortista" alla Pontificia Accademia delle Scienze

Ascolta la versione audio dell'articolo

Dal 15 al 17 maggio, la Pontificia Accademia delle Scienze inviterà come relatore Gavin Newsom, governatore della California. Un ultras ecologista che sta promuovendo la transizione verde più radicale e anche un abortista convinto, oltre che grande sostenitore delle teorie Lgbt. Di che ecologia si parlerà? Di quella integrale?
- VIDEO: Sul clima il Vaticano perde la testa, di Riccardo Cascioli

Vita e bioetica 03_05_2024
Gavin Newsom alla conferenza sui diritti riproduttivi (aborto) della California (La Presse)

Ieri la Prefettura della Casa Pontificia ha reso noto che la mattina del prossimo 10 maggio, presso l'Auditorium in Via della Conciliazione, Papa Francesco parteciperà agli Stati Generali della Natalità, il cui tema sarà “Esserci. Più giovani più futuro", a riprova dell’interesse per le iniziative di promozione alla natalità anche dei vari governi italiani.

È una bella conferma che il Papa anche quest’anno, come accaduto sin dalla prima edizione del 2021 con Mario Draghi regnante, si coinvolga nella sfida del nostro paese a favore della natalità. Tuttavia, ciò stride ancor più con l’invito in Vaticano, e come relatore, alla prossima sessione che si terrà dal 15 al 17 maggio dell’Accademia delle Scienze, del governatore Democratico della California Gavin Newsom, un super abortista, nonché promotore sistematico della ideologia Lgbt. Dare una tal “tribuna” a coloro che uccidono l’uomo indifeso e ne sfigurano l’essere creato è un grave scandalo.

Il governatore Newsom rappresenta e si batte per promuovere l’esatto opposto dell’ “ecologia umana ed integrale”, perchè proprio l’umano e la sua integralità vuol eliminare. La conferenza dell’Accademia Pontificia coinvolgerà altri sindaci e governatori di tutto il mondo che esamineranno le soluzioni per il cambiamento climatico. Newsom però dovrebbe rivolgersi a Papa Francesco e parlare dei recenti incendi, inondazioni e siccità in California, sul suo obiettivo di una California al 100% alimentata con energia verde entro il 2045 e il divieto tra un decennio di vendita di auto ad idrocarburi nello Stato.

In molti negli Usa guardano ai viaggi internazionali di Newsom come tentativi di costruirsi un'esperienza internazionale, prima delle elezioni presidenziali del 2028. «Newsom non dirà a Papa Francesco che metterà a rischio milioni di californiani perché l'energia verde non sta sostituendo l’energia prodotta con le centrali a combustibili fossili che stanno chiudendo in California», ha dichiarato recentemente Russ Wayne, noto analista energetico nordamericano. Forse sarebbe giusto che Papa Francesco chiamasse in causa la moralità di Newsom che, nel favorire ad ogni costo l’energia verde, condanna milioni di californiani alla povertà energetica dei prossimi anni, oltre alla morte nell’utero materno seppur innocenti. Poveri californiani.

Veerabhadran Ramanathan, un oceanografo della Università di San Diego che fa parte della Accademia Pontificia di Papa Francesco e ha contribuito all'organizzazione dell'evento, ha detto al Los Angeles Times che gli inviti erano limitati a sindaci e governatori internazionali, compresi altri due governatori Democratici: la lesbica pro aborto e transgender Maura Healey del Massachusetts e la super-abortista Kathy Hochul di New York.

Ora se è vero che l’ecologia integrale o umana o come comunque la voglia definire il corso neo-ambientalista di Papa Francesco, include pure l’uomo e il più debole di essi, cioè il concepito ed il bimbo creato maschio e femmina, invitare coloro che investono fiumi di denaro a favore dell’omicidio dell’innocente e della promozione delle abusanti pratiche chirurgiche e chimiche transessuali, violando per sempre bimbi e ragazze, è quantomeno contraddittorio e radicalmente immorale.

Non basta certo a lavare coscienza degli organizzatori affermare che Gavin Newsom si dichiari cattolico, come i devoti abortisti Joe Biden e Nancy Pelosi. E’ vero che Gavin Newsom si vanta dei propri manifesti pro aborto, affissi in diversi Stati, in cui si usano frasi blasfeme che inquinano le citazioni evangeliche.

Tuttavia, ad oggi, se non ci sono novità dell’ultima ora, per la Chiesa Cattolica, la Bibbia, la scienza (e la ragione), la vita umana è tale dal concepimento e deve essere rispettata e protetta, così vale anche per la sessualità biologica, dono del Creatore che proprio la pericolosissima ideologia e la prassi “gender e transgender” vogliono sostituire con le “voglie disordinate”.  Recentemente, come già fatto negli ultimi anni, Gavin Newsom ha pubblicato nuovi appelli agli abitanti di altri stati che tutelano la vita del nascituro, per recarsi in California per ottenere gli aborti desiderati.

Proprio in queste settimane si stanno prendendo in considerazione l’emendamento costituzionale dello Stato e altri 13 disegni di legge per ampliare e rendere pressoché gratuito l'accesso all'aborto. Senza dimenticare che proprio la California si era dichiarato il primo "Stato santuario" nel 2022 per i bambini transgender provenienti da qualunque Stato, punendo con la galera anche i genitori non consenzienti. Il Papa e l’Accademia vaticana facciano pure quel che vogliono, ma ci si consenta di gridare allo scempio e allo scandalo.