Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Beata Vergine Maria del Monte Carmelo a cura di Ermes Dovico

Il ricatto

Sanzioni economiche per il Kenya pro-family

Il Kenya sta per varare una legge che punisce l'omosessualità e tutela la famiglia. Rischia di perdere 23 miliardi di sterline.

Gender Watch 10_11_2023

Giace ancora sul tavolo del Parlamento keniota il Family Protection Act disegno di legge a protezione della famiglia che intende sanzionare ogni attività che «promuova l’omosessualità» e le stesse condotte omosessuali.

Il deputato George Peter Kaluma, uno dei sostenitori del disegno di legge, ha dichiarato alla BBC: «Il disegno di legge proporrà un divieto totale di ciò che l’Occidente chiama procedure di riassegnazione del sesso e proibirà tutte le attività che promuovono l’omosessualità», ciò includerà  i Pride, gli spettacoli drag, indossare i colori dell’arcobaleno e gli «emblemi del gruppo LGBTQ +».

Inoltre saranno proibite, pena il carcere, tutte le condotte omosessuali e se queste saranno assunte a danno di un minore o di persona disabile o rischiando consapevolmente di trasmettere una malattia venerea letale la persona rischia la pena di morte.

Secondo un rapporto dell’economista Fred Ogola, il Kenya rischia di perdere 23,12 miliardi di sterline se approverà questa legge. Infatti chiuderebbero i rubinetti dei finanziamenti l’Unione Europea, gli Stati Uniti e il Fondo Monetario Internazionale, con tutte le ricadute economiche del caso. Tali finanziamenti, così erano gli accordi, sarebbero stato erogati a patto che il Kenya avesse garantito la non discriminazione di nessuna categoria sociale.