• SCHEGGE DI VANGELO

Meditare seriamente

Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette (Gv 20, 8)

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!». Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario - che era stato sul suo capo - non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti. (Gv 20, 1-9)

San Giovanni, prima di entrare nel sepolcro attende l’arrivo e l’ingresso di san Pietro, riconoscendo così il primato che quest’ultimo aveva nei confronti di tutti gli apostoli, come aveva indicato Gesù. E san Giovanni credette non appena vide i teli del lenzuolo non aperti ma svuotati, segno del fatto che Gesù era uscito miracolosamente trapassando i teli, lasciandoli intatti. Gesù risuscita con l'anima e con il corpo e per questo non dovrà morire mai più. Prendi esempio da Pietro e Giovanni, la cui vita fu stravolta da quell'evento prodigioso, per meditare seriamente su come influisca concretamente la Pasqua nella tua vita, senza concentrarti solo sulle pur benedette uova che oggi mangerai.

Dona Ora