• Controcorrente

I baby trans e l’American College of Pediatricians

Negli Usa, dopo il caso del piccolo James Younger la cui madre voleva che “cambiasse” sesso e il padre no, scende in campo l’American College of Pediatricians nella persona del suo direttore esecutivo Michelle Cretella, la quale dichiara: «Molti di noi sperano che questo caso inauguri un ritorno alla sanità mentale, alla scienza e all'etica medica radicata nel “Primum non nocere”. I medici e i terapisti che abbracciano la "transizione" per i bambini promuovono un'agenda politica, non un progresso scientifico. Quando parliamo di bambini e disforia di genere ci sono alcuni principi da comprendere. Per prima cosa, la disforia di genere è una diagnosi di salute mentale». Dunque non è il corpo ad essere sbagliato nella sua sessualità, bensì la mente.

https://www.provitaefamiglia.it/blog/i-pericoli-del-cambio-di-sesso-parlano-i-medici