• SCHEGGE DI VANGELO

Gesù si cura di noi oggi

Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno (Gv 17, 20)

In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo: «Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato. E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me. Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo. Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro». (Gv 17,20-26)

Gesù prega il Padre non solo per i primi suoi discepoli, ma anche per tutti coloro che in futuro crederanno alla Sua Parola trasmessa dagli apostoli e dai loro successori, cioè i vescovi. Ecco quindi l’importanza di essere sempre fedeli alla Parola di Gesù, sia quando agiamo secondo l’insegnamento di Gesù sia quando la trasmettiamo. Cerchiamo quindi di non rendere vana questa preghiera che fece Gesù, già pensando a noi e ringraziamolo ogni giorno per i doni che ci ha dato.