• SCHEGGE DI VANGELO

Educatori per il Paradiso

Chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti (Mc 10, 44)

In quel tempo, si avvicinarono Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, noi vogliamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere nella tua gloria uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». Gesù disse loro: «Voi non sapete ciò che domandate. Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse: «Il calice che io bevo anche voi lo berrete, e il battesimo che io ricevo anche voi lo riceverete. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato». All'udire questo, gli altri dieci si sdegnarono con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù, chiamatili a sé, disse loro: «Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere. Fra voi però non è così; ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti. Il Figlio dell'uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti». (Mc 10,35-45)

Grazie alla domanda di Giacomo e Giovanni, Gesù coglie l’occasione per ribadire agli altri apostoli che nella futura Chiesa, tanto maggiore sarà il ruolo nella comunità cristiana quanto più grande sarà il servizio che dovrà essere messo a disposizione di tutti. Ad esempio i sacerdoti non devono esprimere la loro opinione personale, ma quello che dice la Parola di Dio.  Ma non solo i sacerdoti, perché anche gli insegnanti, i catechisti e i genitori devono annunciare la Parola di Dio nell'educazione delle giovani generazioni.

Dona Ora