Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santissima Trinità a cura di Ermes Dovico
SCHEGGE DI VANGELO

Dio con noi

Perché l'amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro (Gv 17,26)

Schegge di vangelo 16_05_2024 English Español

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:] «Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato. E la gloria che tu hai dato a me, io l'ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell'unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me. Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch'essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo. Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l'amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro». (Gv 17,20-26)

Dio con noi non significa soltanto che Dio si è fatto uomo ed è venuto ad abitare in mezzo a noi, ma vuol dire anche che Dio è in noi, il suo amore è in noi. Come è possibile questo? È possibile perché noi cristiani abbiamo conosciuto che Gesù è Dio e ubbidienti alle sue parole facciamo sì, con l’Eucarestia, che Egli viva in noi e ci nutra con il suo amore. E la Sua gloria certo è l’altare, ma lo è anche il tuo cuore puro. Se hai qualche peccato mortale sulla coscienza sforzati di confessarti il prima possibile.