• Disegno di legge

Bollino arcobaleno del governo sui libri scolastici

Alcuni deputati di Pd, M5S, Leu e +Europa hanno proposto un disegno di legge il cui intento è quello di «adeguare l’ordinamento italiano ai principali standard internazionali in materia di diversità e di inclusione nel settore dei libri di testo scolastici, attraverso un’efficace azione di prevenzione e di contrasto dei pregiudizi e degli stereotipi di genere, nonché di quelli relativi alla cultura, all’etnia e all’abilità, valorizzando la diversità». In breve un controllo su come i testi parlando di omosessualità e transessualità.

A tal fine il Ddl prevede l’istituzione di un osservatorio che avrà il compito di «redigere le linee guida sulla diversità e sull’inclusione nei libri di testo scolastici» e «di effettuare una ricognizione dei libri utilizzati nelle scuole di ogni ordine e grado».

L’osservatorio esprimerà «un parere sui libri esaminati, motu proprio o su segnalazione di un editore o di una scuola». Se il giudizio sarà positivo il testo recherà un segno distintivo, «in caso di parere negativo o di mancato esame – viceversa – l’osservatorio si rende disponibile a collaborare con l’editore ai fini della revisione del testo».

Una vera lista di proscrizione, un controllo sulla libertà di opinione e un divieto di critica nei confronti dal gaiamente corretto. Tutte caratteristiche dello Stato totalitario.