• USA

    Lo strano caso di Parker, abortista "in nome di Dio"

    Il dottor Willie Parker è uno stakanovista degli aborti. Opera fino a 45 donne al giorno, dormendo solo 5 ore per notte, volando due volte alla settimana da Chicago al Mississippi e poi guidando fino all'Alabama. Lui ritiene di essere stato "chiamato da Gesù". Ad uccidere bambini prima che nascano.

    • FECONDAZIONE

    Far West eterologa, Lorenzin dove sei?

    La "Paziente numero 5" è una delle tante donne in attesa della fecondazione eterologa. La sua storia la racconta Repubblica che la innalza a simbolo di un diritto negato. E dopo la rinuncia del governo a regolare la tecnica, sono già quasi mille le donne in lista presso i centri privati o della Toscana che hanno deciso di procedere.

    • CONTRACCEZIONE

    La Francia riabilita l'Humanae Vitae

    Dopo 46 anni, proprio il quotidiano francese Le Monde, pubblica un’inchiesta che sembra “riabilitare” l’Humanae Vitae. In Francia, secondo uno studio dello scorso maggio, i cosiddetti metodi naturali per la “regolazione” delle nascite stanno guadagnando terreno, mentre l’uso della pillola è in netto calo.

    • ABORTO

    Uccidete i down. "Un feto vale meno di un maiale"

    Giusto abortire un bambino affetto da sindrome di Down? «Sarebbe immorale metterlo al mondo se tu avessi la scelta». Ma non è omicidio? «Per quanto riguarda quei significati di “umano”, ogni feto è meno umano di un maiale adulto». Parola di Richard Dawkins, biologo britannico, paladino dell'ateismo militante.

    • CONTINENTE NERO

    Quegli africani che portano lo stigma di ebola

    In Africa l'epidemia di ebola si sta diffondendo molto più rapidamente del previsto. Anche per la diffidenza della gente locale nei confronti della medicina. Ma il problema ancor più doloroso è dato dall'emarginazione sociale sofferta da tutti coloro che hanno contratto la malattia, anche se ne sono usciti.

    • ABORTO IN ARGENTINA

    Arriva la volante (rossa) a cacciare gli obiettori

    Troppi obiettori di coscienza? In Argentina, arrivano le squadre mobili di medici, per praticare l'aborto fino alla 12ma settimana di gravidanza, aggirando gli obiettori e la loro coscienza. Una volante degli abortisti, simile agli squadroni della morte delle dittature, che agisce nel nome del "diritto alla salute".

    • CURE PALLIATIVE

    Tre regole per affrontare insieme quell'ultimo miglio

    É nota a tutti l’equazione “senilità”: una vita più lunga corrisponde un aumento delle cure mediche. Da qui la domanda: quali criteri seguire per la cura di questi malati secondo il principio di proporzionalità? Soprattutto, che fare quando il malato  non ha più chances? Ecco alcune regole per medici e famiglie.

    • DIBATTITO

    Eterologa, quel che può fare un ministro

    Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sull'eterologa, il dibattito è sempre vivo nel mondo pro-life. Mentre i vari Rodotà, radicali, deputati di sinistra chiedono l’immediata applicabilità della sentenza, il ministro Lorenzin ha deciso invece di intervenire. Ma questo non basta, occorre che anche i cattolici si mobilitino.

    • ABORTO

    Decreto Zingaretti, un assalto alla libertà dei medici

    Il commissario alla sanità del Lazio, Nicola Zingaretti, con il suo decreto tira una spallata all'obiezione di coscienza dei medici. Giuristi per la Vita e Pro Vita Onlus impugnano presso il Tar del Lazio.

    • FECONDAZIONE

    Gammy e i dottor Stranamore della vita

    Il piccolo Gammy e i dottor Stranamore della vita, i manipolatori della vita, i trafficanti di embrioni su commissione. Una partita che si gioca ogni giorno nel silenzio discreto dei laboratori ipertecnologici, nelle cliniche linde e moderne dell'Occidente evoluto e progressivo.

    • PUGLIA

    Mazzette sugli aborti, ma accusano gli obiettori

    Ospedale pugliese Tatarella a Cerignola: se vuoi abortire subito devi pagare 100 euro, altrimenti ti faccio aspettare oltre il 90° giorno. Questo dicevano alla pazienti due medici, ora arrestati. Ma sotto accusa finiscono gli obiettori.

    • FECONDAZIONE

    Professione? "Donatore" di figli per la Patria

    Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin vuole un decreto per regolamentare la fecondazione eterologa. La «materia» sarebbero i compensi per i donatori di gameti: con la nuova legge i nuovi benemeriti che regalano “Figli alla Patria” saranno equiparati ai donatori di sangue o midollo.