• MILANO

    Alcuni furti sono più furti degli altri

    Sala, il sindaco di Milano, è stato derubato in casa. Le ladre, due donne e una ragazzina rom, sono state trovate immediatamente. Stessi tempi rapidi dell'indagine per i furti subiti dal ministro Alfano e dal conduttore Santoro. Per i comuni mortali, invece, non indagano neppure o quasi. Messaggio chiaro: mai derubare i Vip.

    • CONTRO LA 194

    L'aborto, il male da cui nascono infiniti mali - VIDEO

    Si viola il bene supremo: la vita. Si commette un assassinio nei confronti dell'innocente per eccellenza. Si capovolge il diritto naturale: la madre anzichè proteggere, uccide. E si passa così da delitto a diritto. Insomma: l'aborto è il male morale peggiore dei nostri tempi. Eppure (quasi) tutti l'hanno ormai digerito, tanto che nessuno osa più invocare l'abolizione della legge sull'aborto. E invece è proprio questo l'obiettivo finale: abrogare la 194. L'analisi del bioeticista, Professor Tommaso Scandroglio.

    - SOPRAVVISSUTE ALL'ABORTO, LA VERITA' CHE VINCE, di Andrea Zambrano

    • CACCIA AGLI HACKER

    Telegram e Russia svelano il pretesto della privacy

    A metà aprile la Russia aveva bloccato il download della famosa applicazione dopo il rifiuto, da parte dell’azienda, di rilasciare dati sensibili di alcuni hacker che utilizzavano la piattaforma di messaggistica a fini delinquenziali. E anche Apple si adegua per bloccare la app. Una decisione giustificata, quella di Mosca. Ma rimane però il dubbio se il diritto alla privacy sia qualcosa di ineludibile.

    • LEGGE 194

    Aborto: così hanno ucciso anche il padre - VIDEO

    La legge 194 ha due soggetti (la donna e il medico), un oggetto (il bambino) ed un grande assente: il convitato di pietra della 194 è il padre. Un fatto gravissimo, che però non stupisce. Questa legge infatti è figlia della rivoluzione del '68 che è stato un movimento di rifiuto proprio della figura paterna come simbolo dell'autorità. Ma se si elimina il padre, si elimina anche la legge morale e religiosa dalla dalla società. L'analisi dello psicologo Roberto Marchesini.

    • EUTANASIA INGLESE

    L'ospedale che ha ucciso Isaiah ammette il suo errore

    Come il papà di Alfie anche quello di Isaiah aveva accusato i medici di negligenza. Solo ora, dopo tre mesi e dopo un'indagine interna, l'ospedale inglese ammette: «Problemi specifici nel monitoraggio durante il travaglio hanno contribuito alla sua condizione. Ce ne scusiamo senza riserve». Il copione è identico: dopo l'errore sul paziente, invece che correggersi si preferisce eliminarlo.

    • UN BILANCIO

    C'è il Ramadan, ma è un'escalation di sangue

    Il 16 maggio è iniziato il Ramadan, Il mese sacro per gli islamici. L'Occidente però, e anche settori della Chiesa, fingono di non capire e celebrano la festa islamica che per antonomasia è il momento dell’anno in cui viene versato più sangue in assoluto. Una carrellata degli ultimi fatti, dal Pakistan alla Libia, passando dal Belgio mostrano una carneficina atroce. 
    -MOHAMMED E L'INFANZIA RUBATA DAL CLAN di Souad Sbai

    • LA SVOLTA

    Medjugorje, la Santa sede "prende casa" dalla Gospa

    Su mandato del papa Henryk Hoser sarà Visitatore Apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje a tempo indeterminato. È un fatto straordinario, ma più eccezionale è che Hoser, il quale aveva già detto che «le diocesi e altre istituzioni possono organizzare pellegrinaggi ufficiali», vivrà a Medjugorje. La nomina non entra nel merito delle apparizioni, ma è forse il primo passo per la creazione di un'entità autonoma. 

    • POLITICALLY CORRECT

    Balo, il destino dell'unico nero che non piace ai salotti

    Ci sono due cittadini italiani di etnia africana che non riescono a «bucare lo schermo» della simpatia dei salotti. Uno è Tony Iwobi, già immigrato nigeriano e oggi senatore. Perchè è leghista. L'altro è Balotelli. Forse perché "solo" ricco e spaccone. Eppure il razzismo di cui parla non è medievale, semmai ottocentesco. In quanto all'Italia, è pur sempre il Paese che ha scoperto il suo talento. 

    • IL CASO

    Sangue di pollo a Civitavecchia? Gregori querela Ammaniti

    La denuncia per calunnia e diffamazione contro Ammaniti viene fatta da Gregori soprattutto perché le affermazioni dello scrittore e ideatore dello sceneggiato sono prive di fondamento. Diverse indagini ematiche condotte da tre periti di parte hanno chiaramente stabilito che si trattava di sangue umano e quindi è falso asserire che era «sangue di pollo».

    • CONTROCORRENTE

    L'anomalia del Portogallo che boccia l'eutanasia

    Dopo gli esempi fulgidi di progresso illuminato quali la soppressione di Alfie Evans e il disastroso risultato del referendum sull’aborto in Irlanda, che la morte sia oramai una cultura diffusa stupisce poco. Fa invece notizia, appunto, il contrario. Esattamente ciò che è accaduto in Portogallo, dove ieri sono stati bocciati ben quattro progetti di legge miranti a legalizzazione l’eutanasia e il suicidio assistito.

    • IL FILM DI COURAGE

    Rilene, Paul e gli altri: storie di chi non si piega al diktat gay

    Rilene, Daniel e Paul: sono le tre storie raccontate nel film-documentario Il desiderio delle colline eterne, prodotto da Courage International, apostolato che offre accompagnamento spirituale alle persone con attrazione per lo stesso sesso e  l’accompagnamento sulla  via della castità, cui ogni cristiano è chiamato. Stasera a Milano la proiezione del docufilm che smonta il diktat gay. 
    -L'OMOSESSUALITA' NON PUO' ESSERE NEL PIANO DI DIO di Tommaso Scandroglio

    • LA CRISI ISTITUZIONALE

    Sovranismo sussidiario: ecco la chiave per la democrazia

    Su sovranità e sovranismo si combatterà la prossima campagna elettorale, ma sono due parole inaccettabili perché indicano una assolutezza del potere che non si giustifica. Ad esse si oppone la sussidiarietà: oltre alla famiglia come società naturale ci sono anche i popoli e le nazioni. Tra l’Unione europea che fa pressioni affinché approvi leggi libertarie su vita e famiglia e la Raggi che censura i manifesti contro l’aborto non c’è differenza. Il sovranismo giusto invece è quello che, oltre a combattere quello dell’Unone Europea, esercita la sussidiarietà in vista del bene comune anche al di sotto di sé.
    -TOCCA A COTTARELLI, MA E' GIA' CAMPAGNA ELETTORALE di Ruben Razzante