• LA STORIA DI UN SACERDOTE

"Dalle botte alla salvezza: Dio mi ha voluto suo strumento"

Picchiato da un padre alcolizzato, trovò pace dopo un viaggio a Medjugorje dove un pellegrino lo introdusse alla preghiera. Il giovane, allora lontano dalla Chiesa, capì che solo il perdono l'avrebbe guarito dalle ferite. Domandò la grazia con Rosari continui ma nulla pareva cambiare, finché la potenza di Dio fece irruzione con una misericordia miracolosa e lui divenne sacerdote. 

Editoriale

    • CONTINENTE NERO

    Nigeria, può essere l'ultima generazione di cristiani

    I vescovi della Nigeria hanno alzato la voce in difesa dei loro fedeli, minacciati da gruppi islamici. I pastori Fulani, musulmani, massacrano i villaggi di agricoltori cristiani. L'ultimo eccidio a Berom: 200 morti. Non è più solo una guerra per il possesso delle terre. E' guerra di religione e il presidente (musulmano) non garantisce la sicurezza.

    • POLONIA

    Gay Pride a Częstochowa, resistenza dei cattolici

    Per la prima volta un Gay Pride viene organizzato a Częstochowa dove sorge il famosissimo santuario di Jasna Góra in cui si venera l’icona della Madonna Nera. Contemporaneamente, gli ascoltatori di Radio Maryja hanno organizzato un pellegrinaggio e opposto una resistenza non violenta al Pride, sbarrandogli il passo.

    Focus

    • MONDO SOCIAL

    Instagram Tv: un nuovo modo per dire le stesse cose

    Instagram nel corso dello scorso mese ha raggiunto la fantomatica cifra di un miliardo di utenti attivi al mese, andando a inserirsi di diritto tra i social network più utilizzati al mondo. È di settimana scorsa però l’ultimo provento in casa Menlo Park, in California: nasce la Instagram TV. Peccato che sia l'ennesimo modo nuovo per dire sempre le stesse cose. A quando la rivoluzione dei contenuti?

Ultimi articoli

    • PSICHIATRIA

    40 anni dopo Basaglia serve un "luogo per la follia"

    Presentato il disegno di legge Marin in Senato, per colmare il vuoto lasciato dalla legge Basaglia. La riforma, che compie 40 anni, infatti, ha chiuso gli ospedali psichiatrici e ha impedito la costruzione di nuovi, nel nome di un'utopia irrealizzata. Ora serve un luogo per "coloro che si sono spinti più in là nel viaggio", perché possano tornare indietro.

    • STORIE MONDIALI

    Modric, da profugo al Mondiale, confidando in Dio

    Il nonno fu ucciso durante il conflitto serbo e lui con i genitori dovette conoscere l'esperienza dei profughi croati. Stasera, durante la finale mondiale con la Francia, Luka Modric giocherà la partita più importante della sua vita. Storia di un campione gracile che ha conosciuto l'umiliazione e il dolore della guerra senza mai smettere un attimo di confidare in Dio. Al quale oggi, comunque vada stasera, si affida perché sempre grato. 
    -LEGGI LE ALTRE STORIE MONDIALI: LUKAKU, TABAREZ, DALIC