• IL CARDINAL MULLER

"Con l'ideologia gay a rischio il senso dell'esistenza umana"

Muller ieri a Roma con Mattson

"Ciò che è in gioco è il senso originario dell’esistenza umana!". Le parole del cardinal Muller alla presentazione del libro di Mattson "Perchè non mi definisco gay" che smonta le tendenze omoeretiche e l'ideologia gay. "L’uomo che cede a inclinazioni disordinate può sviluppare un odio verso Dio e i suoi comandamenti che lo rivelano peccatore. Soltanto attraverso la grazia redentrice veniamo creati di nuovo". Per il prefetto emerito della Cdf, Mattson ha avuto "coraggio nell'opporsi all'Internazionale pansessista" perché "identificare se stesso come gay significa ridurre l’intera ricchezza dell’essere umano a mera attrazione sessuale". Poi l'affondo sull'omofobia: "Un termine provocatorio usato con l’intento di screditare a priori ogni alternativa all’ideologia dei movimenti gay o gender. E chi soffre di problemi di disorientamento sessuale, ma si rifiuta di abbracciare questo movimento, viene subito bollato come traditore".

Editoriale

    • COREA DEL NORD

    Il gioco diplomatico di Trump con Kim Jong-un

    Il vertice fra Kim Jong-un e Donald Trump si farà o non si farà? Fino a ieri mattina pareva ormai archiviato, da ieri pomeriggio si è invece riaperto uno spiraglio. E' un balletto diplomatico in cui gli Usa mirano a ottenere le condizioni di un disarmo totale, irreversibile e verificabile della Corea del Nord, con un misto di minacce e blandizie.

    • SOLIDARIETA' PELOSA

    Cosa vuol dirci Juncker sui "diritti degli africani"

    Jean Claude Juncker, presidente della Commissione Ue, si dice preoccupato per la tutela dei diritti degli africani in Italia, a causa del nuovo governo incaricato. Ma perché proprio gli africani? E perché ignorare la questione dell'illegalità dei clandestini? Forse perché nello stesso incontro ha promesso altri aiuti all'Unione Africana.

    Focus

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Trinità di Rublëv, a simbolo dell'unità con la Chiesa

    Andrej Rublëv realizzò questa icona nel 1442 per la canonizzazione di Sergio di Radonež, fondatore del monastero della Trinità di San Sergio. Il committente chiese al pittore di trasmettere l’idea dell’unità della Russia intorno alla sua Chiesa, obiettivo perseguito dal santo. Solo da una fede profondamente vissuta poteva scaturire un’immagine cosi potente.

Ultimi articoli

    • L'INCARICO

    Il nuovo governo giallo-verde alla prova del Conte

    Dopo i numerosi colpi di scena, Giuseppe Conte, giurista, scelto da Lega e M5S, ha ricevuto l'incarico dal presidente Mattarella. Dopo un colloquio insolitamente lungo, ha dichiarato che sarà "l'avvocato di tutti gli italiani" e ha ribadito la collocazione europea e internazionale dell'Italia. Opposizione contrariata. Mercati in attesa...

    • IL CASO

    Il mio nome è blu, la legge invece è chiara

    Il caso dei genitori che hanno dato il nome alla figlia Blu. In tempi in cui si dibatte l’ideologia gender e quella lgbt, in cui il sesso è, deve essere, incerto e oggetto di dibattito, tempi in cui  il sesso si può, si deve, scegliere e cambiare anche con frequenza ma sempre ad libitum, questa cosa del nome anagrafico che «deve corrispondere» al sesso dell’appena nato suona singolare.