• "Nozze" gay

"Sposa chi vuoi", ma il comune di Verona non ci sta

In uno stand della fiera “Verona sposi” compare per volontà degli organizzatori lo slogan: “Sposa chi vuoi”. L’assessore alla Trasparenza Edi Maria Neri chiede che venga rimosso simile slogan.

Plauso dal capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale, Vito Comencini: «Le trovate di marketing non possono affossare i valori. Bene ha fatto l’assessora Neri a frenare l’allestimento di stand palesemente contrari alla famiglia tradizionale, che rischiava di trasformarsi in propaganda relativista a favore di altre unioni che nulla c’entrano con la famiglia composta da mamma e papà».

https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2018/02/05/la-citta-di-giulietta-censura-lo-slogan-a-favore-delle-unioni-gay/