• ARABIA SAUDITA

    Così parlò bin Salman, amico dell'Occidente

    Si è parlato molto e con ampio anticipo dell’intervista rilasciata dal principe saudita Mohammed bin Salman al The Atlantic, nel corso della sua visita negli Usa. Una volta pubblicata il 2 aprile, possiamo vedere che una cosa è certa: è un’intervista che va presa con beneficio di inventario. Ma quel che esprime è già importante.

    • COMMERCIO DI ARMI

    Bombe italiane in Yemen? Un falso scoop

    Sono paradossali le accuse del New York Times all'Italia per le bombe costruite in Sardegna e vendute all'Arabia Saudita. Non solo sono cose note e legali, ma l'Italia è solo il sesto fornitore saudita: la maggior parte delle bombe sono americane, britanniche e francesi.

    • FONDAMENTALISMO

    La campionessa di scacchi che sfida il regime saudita

    Anna Muzychuk, campionessa di scacchi, rifiuta di giocare un torneo dai premi favolosi in Arabia Saudita per non sottostare alle rigide regole contro le donne. Una difesa della dignità delle donne da cui dovrebbero imparare le varie Boldrini e Mogherini.

    • L’Arabia Saudita espelle gli immigrati illegali

    Prosegue il rimpatrio di decine di migliaia di cittadini etiopi emigrati illegalmente in Arabia Saudita

     

    L’Etiopia sta rimpatriando decine di migliaia di cittadini emigrati illegalmente in Arabia Saudita. A marzo il governo saudita ha ordinato ai lavoratori stranieri di mettersi in regola oppure di lasciare il paese

    • INVERNO ARABO

    Uccisione ex presidente getta lo Yemen nel caos

    L’ex presidente Ali Abdullah Saleh è stato ucciso nella capitale Sana’a dai ribelli houthi, alleati fino a una settimana fa contro la coalizione sunnita. Il voltafaccia di Saleh, sotto pressione saudita, ha provocato la reazione: migliaia di morti, tragedia umanitaria e futuro incerto.

    • OMBRE SAUDITE

    Libano, paese a sovranità limitata

    Non basta che l’indipendenza di uno Stato sia dichiarata e celebrata ad ogni anniversario. La vicenda delle dimissioni forzate di Hariri in Libano, la sua "confessione" alla Tv saudita dopo la sua convocazione a Riad sono cose che non accadevano nemmeno in Unione Sovietica. E' il prodotto della politica aggressiva di Salman.

    • DIMISSIONI DI HARIRI

    Arabia Saudita, il regno destabilizzatore

    Prima con la guerra ad Assad, poi con la guerra agli Houthi (milizie sciite) nello Yemen, adesso con il plateale intervento destabilizzatore in Libano, dove il premier sunnita Hariri è stato costretto alle dimissioni: l'Arabia Saudita sta contendendo all'Iran l'egemonia regionale. Ma così generarà solo più disordine, specie nel delicato Libano

    • ARABIA SAUDITA

    Lotta alla corruzione, Il principe contro tutti

    Una cinquantina di arresti al vertice della società saudita: nella battaglia di potere che sconvolge il regno, Mohammed bin Salman si sbarazza di tutti i suoi nemici. Situazione minacciosa anche in chiave internazionale.