• SCHEGGE DI VANGELO

Solo facendo la volontà di Dio possiamo essere felici

Il giovane se ne andò, triste (Mt 19, 22)

In quel tempo, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gli chiese: «Quali?». Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?». Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!». Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze. (Mt 19, 16-22)

Certamente nella vita terrena non potremo mai essere uguali a Dio, ma potremo pregustare la felicità della Sua vicinanza osservandone i comandamenti, a cui corrispondono fondamentalmente due atti di amore: verso Dio e verso il prossimo. Il giovane che interroga Gesù ha sempre rispettato i comandamenti di amore verso il prossimo, ma non si è mai fidato pienamente di Dio. Infatti, quando Gesù gli chiede di lasciare tutto e seguirlo, dando tutto ciò che egli possiede ai poveri, se ne va via triste perché senza Dio non ci può essere felicità, ma solo vuoto interiore e tristezza. Preghiamo quindi sempre perché la nostra fiducia in Dio non vacilli mai, anche e soprattutto quando ci sembra che fare la volontà di Dio vada oltre le nostre forze.