• PAOLO IL CALDO

    Contro l'auto i soliti fumi (velenosi) degli ambientalisti

    • 08-10-2015

    Era facile immaginare che la vicenda delle false certificazioni della Volkswagen avrebbe fornito ad ambientalisti di ogni genere l’occasione per schiamazzare e reclamare qualcosa; ed ora si chiede una stretta di vite sulle autorizzazioni connesse col settore dei trasporti. Ma è solo un pretesto.

    • PAOLO IL CALDO

    Volkswagen, amare lezioni da una truffa

    • 25-09-2015

    Tre lezioni da apprendere dalla truffa di Volkswagen: mai fidarsi del venditore, mai fidarsi di quel governo che protegge il venditore, uniformare le leggi sull'ambiente. Le conseguenze più gravi, a parte quelle economiche, saranno nel crollo di fiducia nei confronti dell'industria automobilistica.

    • PAOLO IL CALDO

    Consigli per una vera ecologia umana e cristiana

    • 31-07-2015

    Credo veramente che possiamo parlare di un aureo libello. In poche pagine il libro Cattolicesimo, ecologia e ambiente di Dominique Rey, vescovo di Fréjus-Toulon, riassume e definisce, anche utilizzando un ampio numero di citazioni dogmatiche e pastorali, la posizione della Chiesa cattolica sulla questione ecologica.

    • PAOLO IL CALDO

    Virtù e conoscenza, ma chi li ha più viste?

    • 21-07-2015

    Ulisse incoraggiò i compagni del suo ultimo viaggio con l’orazione che ha come fulcro centrale la famosa esortazione: «Fatti non foste a viver come bruti/ma per seguir virtute e canoscenza». Sulla virtù il discorso dovrebbe essere abbastanza chiaro, ma ora voglio ragionare un pochino sulla “canoscenza”.

    • PAOLO IL CALDO

    Cancella il debito. Catilina è il maestro di Tsipras

    • 09-07-2015

    La promessa di cancellare l’obbligo di restituire i soldi ricevuti in prestito ingolosisce la gente e la porta a fare scelte pazze. Succede così fin dall’antichità: lo fece Catilina nel 62 a. C. che promise al popolo di cancellare tutti i debiti. Finì come sappiamo, e oggi, più di duemila dopo, ci riprova la Grecia di Tsipras.

    • PAOLO IL CALDO

    Capitale corrotta, nazione infetta. E' l'ora del tutti a casa

    • 25-06-2015

    I guai di Marino nell’amministrare Roma crescono di giorno in giorno: non quanto i guai dei romani a essere amministrati da Marino, ma poco ci manca. Dopo il Presidente del Consiglio comunale, l’assessore alla casa e via andando, ora si è dimesso anche l’assessore ai Trasporti Improta, fedelissimo di Renzi.

    • PAOLO IL CALDO

    Non si può distribuire ciò che non si produce

    • 19-06-2015

    Un punto debolissimo dell'enciclica sta nell'assunzione di teorie economiche, sociologiche e ambientaliste molto discutibili, fino al punto di riecheggiare i falsi allarmi del Club di Roma. Ma la sobrietà si deve afre per scelta etica, non per necessità strategica.

    • PAOLO IL CALDO

    Tolleranza zero. Ecco dove comincia la libertà

    • 13-05-2015

    È possibile porre rimedio alla mancanza di libertà effettiva nel nostro Paese, come spiegavo nel mio precedente articolo? Per poter dare una risposta positiva occorre verificare l’esistenza di un pre-requisito nei rappresentanti delle istituzioni. A mio parere la formula è: "tolleranza zero", la condizione perché si avveri la libertà.

    • PAOLO IL CALDO

    Ma davvero noi italiani siamo liberi? Io dico di no

    • 06-05-2015

    Oggi, nel 2015, noi italiani possiamo dirci veramente liberi? E partiamo dalle libertà “classiche”, quelle che costruiscono intorno alla persona un’area che nessuno può violare: riguardano la vita e le pertinenze strettamente personali. È pur vero che le norme in essere le garantiscono; ma in concreto che succede?

    • PAOLO IL CALDO

    Quando gli ambientalisti fanno il gioco della fame

    • 29-04-2015

    La retorica buonista e il pauperismo conformista non cessano di alzare la voce sulle carenze alimentari, sull’insostenibilità dell’aumento della popolazione. Falsità comprovate dagli stessi dati della Fao: la popolazione mondiale è raddoppiata tra il 1960 e il 2003, la produzione di alimenti è aumentata di circa tre volte.