a cura di Francesco Boezi
  • POP

Il ritorno di Superpope

Presentata alla fiera del fumetto di Roma la maglietta ufficiale di un’iniziativa diretta anche a finanziare l’Obolo di San Pietro, cioè la carità del Papa. E’ il “Superpope”, il Francesco supereroe che spicca il volo con la sua borsa nera carica di “valores”, opera che deriva da uno dei murales che Mauro Pallotta (Maupal) aveva fatto apparire nei vicoli di Borgo Pio.

Al grido di «un cristiano non può essere musone» il super prefetto della Segreteria per la Comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò, ha spiegato l’iniziativa rispondendo in anticipo a quei “cattivoni” che volessero attaccare il “Superpope” tacciandolo di desacralizzare il papato. «…oltre le nuvole c’è sempre il sole che risplende. Un’umanità segnata dalla grazia di Dio è più colorata, più gioiosa», ha specificato il Viganò a Radio Vaticana.

«Si trasforma in un razzo missile con circuiti di mille valvole, fra le stelle sprinta e va», si diceva del mitico Goldrake, ma ora, gioiosi e colorati, si può dire anche del Papa. «Per la prima volta nella storia», si legge nel sito dedicato all’iniziativa, «un Papa diventa pop». Amen.