• SCHEGGE DI VANGELO

Il pianto della Maddalena

Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva (Gv 20,11)

In quel tempo, Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto». Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» - che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: "Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro"». Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto. (Gv 20, 11-18)

Il pianto di Maria Maddalena, preoccupata per il corpo di Gesù, è commovente: esprime il suo affetto per Gesù. Fedele al momento della Passione, il suo amore continua ad essere grande anche dopo l'apparente fine di tutto. Gesù aveva liberato da sette demoni Maria di Magdala e lei gliene era riconoscente al punto da cambiare vita e diventare sua fedele discepola. Proprio a lei il Signore dà l'importante compito di annunciare agli apostoli la notizia della sua apparizione da risorto. Compito che lei eseguirà immediatamente senza timore di essere derisa o non creduta. L'importante è fare la volontà di Dio, la reazione degli altri non conta. Possono anche prenderci per pazzi, ma non possiamo tacere di aver incontrato nella nostra vita il nostro potente e adorabile Salvatore.