a cura di Francesco Boezi
  • camerlengo

È morto il cardinale francese Jean Luois Tauran

tauran

È morto ieri pomeriggio negli Stati Uniti il cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso e camerlengo di Santa Romana Chiesa: aveva 75 anni. Si era recato nel Connecticut per curare la malattia di cui soffriva da tempo, il parkinson. Risiedeva presso la comunità delle Suore francescane dell’Eucaristia nell’arcidiocesi di Hartford. Il 13 marzo 2013 era stato lui ad annunciare dalla Loggia centrale della Basilica Vaticana l’elezione di Papa Francesco.

era nato a Bordeaux, in Francia, il 5 aprile 1943. Compiuti gli studi classici presso il Liceo «Michel Montaigne», a Bordeaux, dopo due anni trascorsi nel Seminario Maggiore diocesano era stato inviato a Roma quale alunno del Pontificio Seminario Francese e della Pontificia Università Gregoriana, dove ha ultimato gli studi teologici e filosofici, conseguendo la Licenza in Filosofia e Teologia. Negli anni 1964-1965, aveva ottemperato all'obbligo del servizio militare, a titolo della cooperazione culturale francese, insegnando in un collegio cattolico in Libano.

Ordinato sacerdote il 20 settembre 1969, ha esercitato il ministero sacerdotale quale Vicario Parrocchiale di S. Eulalia a Bordeaux, iniziando a frequentare i corsi di Diritto Canonico presso l'Istituto Cattolico di Tolosa. Chiamato a Roma nel 1973, ha frequentato la Pontificia Accademia Ecclesiastica, ove si forma il personale diplomatico della Santa Sede, e la Pontificia Università Gregoriana, ottenendo la laurea in Diritto Canonico.

Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede nel marzo del 1975, era stato assegnato alla Nunziatura Apostolica nella Repubblica Domenicana, nella quale collabora fino al 1979, quando viene trasferito alla Nunziatura Apostolica in Libano. Qui è rimasto fino al luglio del 1983, quando è chiamato a lavorare presso il Consiglio degli Affari Pubblici della Chiesa.

Dal 1984 al 1988, ha seguito i lavori dell'allora Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, partecipando, tra l'altro, nel 1984 alla Conferenza di Stoccolma sul Disarmo, nel 1985 al Forum Culturale di Budapest, nel 1986 alla Conferenza di Seguito di Vienna, apertasi in quell'anno. Nel 1988 è stato nominato Sotto-Segretario del Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa.

Il 1° dicembre 1990 è eletto Arcivescovo titolare di Telepte e nominato Segretario del citato Consiglio che - qualche mese più tardi - ha preso il nome di Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato. Riceve l'ordinazione episcopale il 6 gennaio 1991 nella Basilica Vaticana da San Giovanni Paolo II.

Durante i 13 anni trascorsi alla guida della Sezione per i Rapporti con gli Stati, compie molte missioni all'estero e guida la Delegazione della Santa Sede in numerose Conferenze Internazionali.

Giovanni Paolo II lo ha creato cardinale nel Concistoro del 21 ottobre 2003, con il titolo di S. Apollinare alle Terme Neroniane-Alessandrine (Protodiacono dal 2011 al 2014).

Il 24 novembre 2003 è nominato Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Il 25 giugno 2007 Benedetto XVI lo nomina Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Il 26 giugno 2013 Papa Francesco lo nomina Membro della Pontificia Commissione referente sull'Istituto per le Opere di Religione. (fonte: Vaticannews.va )