a cura di Benedetta Frigerio
  • Cina

Demolita un’altra chiesa in Cina

Un’altra chiesa è stata appena demolita in Cina. È successo alla periferia di Jinan, la capitale della provincia orientale di Shandong. Si tratta della chiesa della comunità ufficiale di Liangwnag, registrata fin dal 2006. Il governo ne aveva progettato l’abbattimento per motivi urbanistici sostenendo che intralciava la realizzazione di un nuovo quartiere e la costruzione di una stazione ferroviaria. I fedeli ritenevano che non fosse vero e stavano comunque trattando con le autorità la possibilità di trasferirla altrove. Invece nella tarda mattinata del 17 luglio, senza preavviso, circa 40 persone tra poliziotti e operai demolitori sono entrati in chiesa, hanno costretto tre donne custodi volontarie a uscire facendosi consegnare i cellulari che poi hanno distrutto e, raggiunti da altre 30 persone, hanno iniziato l’opera di demolizione con bulldozer e picconi. Non contenti, hanno distrutto anche altare, banchi, sedie e suppellettili sacre. L’agenzia di stampa AsiaNews che ha riportato la notizia e ha pubblicato il video dell’abbattimento, riferisce che secondo i fedeli di Jinan anche un’altra chiesa rischia di essere presto demolita, quella di Wangcun, nella zona di Huashan, sempre alla periferia della capitale provinciale.