• SCHEGGE DI VANGELO

Chiarimento necessario

Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità (Mt 18, 17)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». (Mt 18, 15-20)

In qualunque luogo si trovino due o più discepoli di Gesù Egli è in mezzo a loro. La colpa che uno di loro commette contro l’altro è pertanto anche contro la comunità. Ecco perché è necessario ammonire i peccatori. Se la colpa ha una portata comunitaria e non si procede alla correzione fraterna le questioni non chiarite rischiano di diventare equivoci che generano confusione e divisione nella comunità. Per tale ragione Gesù raccomanda il chiarimento prima in forma privata, poi davanti ad alcuni testimoni e, se ciò non si rivela sufficiente, davanti a tutta la comunità, in modo tale che gli errori più pericolosi possano essere esaminati a quel livello. Preghiamo quindi il Signore perché nelle nostre realtà (familiari, parrocchiali, ecc.) ci sia sempre chiarezza e fiducia fra tutti.