Archivio: Educazione Educazione
L'INTERVISTA

La perversione delle dark room gay mascherate da circoli culturali col tesseramento obbligatorio è uscita allo scoperto. E' quanto Luca Di Tolve ha sempre denunciato con la sua sofferta testimonianza di rinascita. "Sesso a caso, estremo, droga, assenza di amicizia, dipendenza dal sesso attraverso il sistema gay: il meccanismo che sta dietro la causa Lgbt utilizza persone fragili per fare soldi. Ecco a che cosa servono le tessere. E chi chiede aiuto non può ottenerlo perché tutto è finalizzato ad avere sempre più potere, con il quale controllare la politica". 

di Andrea Zambrano

DROGA

La recente tragedia di Lavagna ha riportato all’attenzione delle cronache il problema del rapporto tra adolescenti e sostanze d’abuso. L'Islanda è un esempio: in meno di vent'anni è diventato il paese con il maggior numero di adolescenti "puliti". Grazie allo psicologo americano Harvey Milkman e al suo metodo...

di Andrea Bartelloni

IL CASO

Servizio delle Iene denuncia: l’Unar ha finanziato con 55mila euro un circolo gay in cui aleggia lo spettro della prostituzione. L'imbarazzo del direttore dell'ufficio che fa capo a Palazzo Chigi: "Verificheremo". Ma il sospetto è che lo stesso direttore sia socio del circolo finanziato. Lui abbozza qualche timida risposta, ma la vicenda è torbida. Se fosse confermato emergerebbe lo scandalo del finanziamento pubblico ad un circolo che pratica reati di natura sessuale. 

di Tommaso Scandroglio

PASSIONI

Una donna francese si fabbrica in casa un robot con cui poi ci si innamora. E ci si "fidanza". E' la nuova frontiera dei diritti civili? Pare proprio di sì, tanto è vero che il Parlamento europeo ha votato a favore di una bozza di risoluzione per istituire anche i diritti degli androidi. E allora siamo pronti anche alla discussione sulla robotfobia?

di Tommaso Scandroglio

LA PROTESTA PER LE NUOVE NORME

Il Parlamento europeo sta esaminando una proposta di modifica della direttiva sui servizi di media audiovisivi, che potrebbe indebolire la protezione dei bambini rispetto alla trasmissione di contenuti pornografici. Come? Cancellando l'esplicito riferimento al fatto che il porno nuoce "gravemente allo sviluppo fisico, mentale o morale dei minori".

di Ermes Dovico

AMMINISTRAZIONE TRUMP

Dopo una lunga battaglia e una votazione sul filo del rasoio in Senato, Betsy DeVos è stata confermata segretaria all'Istruzione nell'amministrazione Trump. Contestatissima, la sua "colpa" è quella di voler estendere la libertà di educazione con un sistema di buoni scuola. I risultati del suo modello sono finora ottimi.

di Matteo Borghi

IL MINISTRO SI DISTANZIA DALLO SPETTACOLO

Vittoria dei pro family: il ministro Fedeli ricnosce che lo spettacolo FaAfafine necessita del consenso dei genitori. Di fatto è uno sconfessare il suo Ddl mai approvato. Nel frattempo però lo spettacolo sul gender rivolto alle scuole va avanti senza freni. 

di Marco Guerra

ANALFABETISMO DI RITORNO

I giovani laureati fanno errori da terza elementare. L’appello di 600 professori universitari al Parlamento è la spia di un problema che riguarda tutti i giovani. E' un lascito del sistema scolastico italiano, centralista e burocratico. Serve tornare alla comunità, al "villaggio", come lo chiama Papa Francesco.

di Marco Lepore

NOVITA' IN LIBRERIA

L'editrice della Società San Paolo, fondata dal Beato Alberiore, rompe il tabù e fa il suo ingresso nell'editoria specializzata sul gender per i bambini. Il libro "Storie di bambine e di bambini" stampato dalla storica casa editrice parla di un immaginario sul femminile e sul maschile libero da stereotipi e pregiudizi.

di Andrea Zambrano

PROTESTE PER DUE SPETTACOLI A SCUOLA

Monta la rivolta delle famiglie contro gli spettacoli gender propinati alle scolaresche. La raccolta firme lanciata da CitizenGo contro Fa Afafine ha superato le 100.000 firme in due settimane. Diversi vescovi hanno invitato le famiglie a firmare la petizione. E negli incontri pubblici mamma e papà non stanno più zitti. 

di Marco Guerra

25
Feb
San Nestore di Magydos


SCHEGGE DI VANGELO

«Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». (Mc 10,13-16)



Caffarra nell'incontro ieri a Correggio

Il cardinale Caffarra torna a parlare di famiglia: «Esistono ancora sposi che vivono il matrimonio radicati nel Principio. Sono il seme nascosto, che, dopo questi giorni tristi, faranno rifiorire quella che S. Giovanni Paolo Il Papa chiamava la civiltà della verità. Nello splendore del loro faticoso quotidiano, risplende la potenza dell'amore eterno di Dio e l'aurora di un nuovo assetto sociale, come fu il monastero benedettino».

 

-NOZZE E CONVIVENZA: PER I FIGLI NON SONO UGUALI di Marco Tosatti

di Carlo Caffarra*



DOSSIER

Papa Francesco
Dopo "Amoris Laetitia" è possibile accostarsi all'Eucaristia per i divorziati risposati? Continua a essere valida l'esistenza di norme morali assolute? Esiste ancora la condizione di peccato grave abituale? Vale ancora che un atto intrinsecamente disonesto per il suo oggetto non può diventare soggettivamente onesto?

RUBRICHE

Schegge di vangelo

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». (Mt 4, 12-23)


Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.