Cultura Archivio
ITINERARI DI FEDE/SANT'AGNESE

“Una piccola chiesa meravigliosa: la facciata, con i suoi avancorpi e le sue rientranze, è tanto bella quanto singolare“. Questa stupefatta reazione suscitò nel barone di Montesquieu la visione della chiesa che sorge sul lato occidentale di una delle piazze più famose di Roma, piazza Navona.

di Margherita del Castillo

RECENSIONE

Il documento conciliare Dignitatis Humanae, sulla libertà religiosa, deve molto all'enciclica di Pio XI Firmissimam Constantiam (1937), dedicata alla difficile situazione della Chiesa in Messico dopo la Cristiada. Un libro dello storico Paolo Valvo fa rivivere il travaglio delle scelte della Chiesa in quegli anni.

di Marco Respinti
Cristiada

A 50 ANNI DALLA MORTE DEL CANTAUTORE

Il 27 gennaio di 50 anni fa il cantautore si suicidò dopo l'eliminazione da Sanremo. Impegnato, ma non comunista. Però dovette piegarsi al “commerciale”. La sua morte fu un atto di protesta contro l'ingresso in finale di canzoni come Io, tu e le rose, simbolo di un'italietta disimpegnata. Requiem. Ma Sanremo valeva una vita?

di Rino Cammilleri
Luigi Tenco

L'IO E LA CRISI DELLA MODERNITA'/16

Nel Principe Machiavelli anticipa la separazione degli ambiti, tra la politica e la morale, tra gli ambiti specialistici e quelli che afferiscono alla sfera della dimensione esistenziale e religiosa. Il criterio di valutazione all’interno dell’ambito politico appare il mantenimento e il rafforzamento dello Stato. In quella prospettiva tutto è concesso. 

di Giovanni Fighera

ITINERARI DI FEDE

La storia della basilica Ursiana ha origini davvero antiche e risale all’epoca in cui il vescovo Orso spostò qui da Classe la sede vescovile, essendo divenuta Ravenna capitale dell’impero romano d’Occidente. Dell'edificio originario restano solo alcuni lacerti. L'attuale cattedrale è del '700.

di Margherita del Castillo

L'IO E LA CRISI/15

Nell’età umanistico – rinascimentale. L’uomo ideale del Medioevo, il cavaliere, il monaco, il santo, è sostituito dalla figura dell’homo divus, colui che si afferma in un campo. L’uomo si sente ancora creatura di Dio, ma si percepisce in un affrancato, artefice di sé e del suo destino. Si sta verificando quella scissione tra cultura del popolo e cultura degli intellettuali. Il Mistero viene estromesso dalle vicende umane.

di Giovanni Fighera

ITINERARI DI FEDE

Il celebre Battistero di Siena, la cui costruzione iniziò nel 1317, dà il volto alla città. Tipica del gusto gotico senese è l’alternanza di fasce marmoree bianche e verdi della superficie. Al centro dello spazio è collocato il Fonte Battesimale alla cui realizzazione concorsero più mani di celeberrimi artisti, a cominciare da Jacopo della Quercia.

di Margherita Del Castillo

MATEMATICA E FEDE? SI PUO'

Una disfida storico-filosofica su Matematica, arte e fede”, tra Piergiorgio Odifreddi e Francesco Malaspina. Dove il primo, blasonato e teatrale, cade nel solito errore del Galileo Galilei vittima della Chiesa. Una falsità storica, ripetuta anche quando cita il suo maestro Russel. Di gran lunga più consapevole dei meriti del cristianesimo in campo scientifico. 

di Francesco Agnoli

L'IO E LA CRISI/14

Ogni epoca ha il suo modello di uomo ideale, colui che è ammirato e preso ad esempio. Se fossero esistiti i quotidiani nel Medioevo, sulle prime pagine avremmo visto le immagini di cavalieri e di santi. La fede comune fa nascere la consapevolezza dell’appartenenza ad un popolo che marcia assieme verso la stessa meta.

di Giovanni Fighera

21
Gen
S. Agnese


SCHEGGE DI VANGELO

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé». (Mc 3,20-21)



Dal film The Danish girl

Le lobby gay danno il via alla caccia alle streghe, prendendo di mira la Nuova BQ e la cronista Benedetta Frigerio. La colpa? Aver commentato l'indagine del National center for transgender equality sulle condizioni di vita dei trans. Così è partita la petizione-gogna all'ordine dei giornalisti per chiuderci la bocca. 

di Andrea Zambrano



DOSSIER

Papa Francesco
Dopo "Amoris Laetitia" è possibile accostarsi all'Eucaristia per i divorziati risposati? Continua a essere valida l'esistenza di norme morali assolute? Esiste ancora la condizione di peccato grave abituale? Vale ancora che un atto intrinsecamente disonesto per il suo oggetto non può diventare soggettivamente onesto?

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza