Non accettate come profughi chi ci rende profughi
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
inserisci il codice di verifica *
     
di Rebwar Basa10-01-2017 AA+A++

Nicodemus Sharaf, Arcivescovo di Mosul per i siro-ortodossi, profugo a città di Erbil (Iraq), dal 9 giugno 2014, rivolge il suo messaggio all'occidente, dicendo: "Svegliatevi, non accettate da voi, come profughi, quelli che ci hanno resi profughi qui (nella nostra terra)".

Queste parole fanno parte di un’intervista rilasciata dall’arcivescovo profugo ad Aleteia (aleteia.org) il 31 dicembre 2016. In quest’intervista, pubblicata in arabo, l’arcivescovo aggiunge: “Tutti i cristiani sono fuggiti dalla città di Mosul nel 2014, quando le truppe di Daesh (ISIS) hanno invaso la città e sono stati accolti dalla maggioranza rimasta ... Gli arabi musulmani sunniti che abitano lì sono molto estremisti! Non accettano chi non condivide la loro opinione ... bisogna capire che gli 800 terroristi di Daesh a Mosul - che ancora l’esercito iracheno, appoggiato dalla coalizione, ha difficoltà di riconquistare - hanno convinto 50.000 uomini ad arruolarsi nella loro organizzazione. Si sono uniti a loro per compiere crimini terribili: espulsione di donne e bambini dalle loro case, decapitazioni, stupri, schiavitù. Ovviamente, c’era terreno fertile per mobilitare tutte queste persone alla loro causa così facilmente... Il loro dio può essere debole e timoroso al punto che loro si sentono in dovere di proteggerlo in questo modo? Noi sappiamo che il nostro Dio ci protegge e ci proteggerà per sempre. Come dico spesso: Dio non ha bisogno di uomini che impongono la giustizia con la forza delle armi. Tu Pensi che questa persona è bestemmiatore e deve morire? Allora, che Dio stesso lo uccida! E vedremo chi finirà per primo!”.

Inoltre, sono state trovate scritte anti-cristiane, ma con una novità: sono scritte da foreign fighters tedeschi, in lingua tedesca, sulle pareti di una chiesa dedicata a San Kuriakus a Batnaia, un villaggio cristiano nella pianura di Ninive (Iraq), che era occupato dall’Isis, e liberato pochi mesi fa:

1. "Oh, adoratori della croce, voi non avete posto nei paesi musulmani, andate via, altrimenti sarete uccisi".

Scritta jihadisti tedeschi

2. "Odiati, servi della croce ... fuori, fuori ... voi non appartenete a questa terra ... noi vi decapitiamo tutti ... voi siete sporchi ... sporchi bestemmiatori ". 

Seconda scritta jihadisti tedeschi

3. "Odiati, servi della croce, vi ammazzeremo tutti. Questo paese è musulmano, voi siete sporchi e non appartenete a questa terra".

Terza scritta jihadisti tedeschi


21
Gen
S. Agnese


SCHEGGE DI VANGELO

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé». (Mc 3,20-21)



Dal film The Danish girl

Le lobby gay danno il via alla caccia alle streghe, prendendo di mira la Nuova BQ e la cronista Benedetta Frigerio. La colpa? Aver commentato l'indagine del National center for transgender equality sulle condizioni di vita dei trans. Così è partita la petizione-gogna all'ordine dei giornalisti per chiuderci la bocca. 

di Andrea Zambrano



DOSSIER

Papa Francesco
Dopo "Amoris Laetitia" è possibile accostarsi all'Eucaristia per i divorziati risposati? Continua a essere valida l'esistenza di norme morali assolute? Esiste ancora la condizione di peccato grave abituale? Vale ancora che un atto intrinsecamente disonesto per il suo oggetto non può diventare soggettivamente onesto?

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza