• Gay Pride

10 cose da portare ad un gay pride

Il sito Gayly Planet stila un elenco di 10 cose da portare ad un gay pride: una bandiera arcobaleno, un “vestito fottutamente colorato”, un ventaglio o uno spruzzino dato che fa caldo, la protezione solare, scarpe comode, soldi in contanti da mettere “in tasca (o nelle mutande)” per evitare di fare code ai bancomat, borsa piccola ma eccentrica, apertura mentale.

Le ultime due sono “un cartello o un simbolo politico” tanto per sottolineare che i gay pride sono marce politicizzate e infatti il sito aggiunge: “Anche se i pride sono divertentissimi e si balla fino allo sfinimento, rimangono manifestazioni politiche per lottare a favore dell’uguaglianza e dei diritti della comunità LGBTQ. Che sia una scritta su una maglietta, uno zaino o un semplice cartello, prova a portare un messaggio, anche semplice”. Essere gay non può prescindere dalla militanza politica.

L’ultima cosa da portarsi ad un gay pride sono delle “mutande pazzesche”. Il sito così annota: “Il Pride è una marcia politica per i diritti, ma prepararsi con delle belle mutande sotto i pantaloni è comunque indicato, non sia mai qualcuno vorrà vederle. Non arrossire, tanto lo sappiamo che poi finirai senza pantaloni comunque. (Relax! Stiamo scherzando… forse!)”. Altra prova che perno del movimento omosessualista è l’eros, vero motore delle rivendicazioni ideologiche: la finalità ultima delle lobby gay è l’erotizzazione della società, una erotizzazione assolutamente liquida e senza barriere.

https://wearegaylyplanet.com/news/cosa-portare-al-pride/